USD/JPY Misto mentre l’inflazione giapponese sale oltre l’obiettivo della BoJ, mettendo sotto pressione un cambio di politica

L'inflazione in Giappone è aumentata

L'indice dei prezzi al consumo (CPI) del Giappone, esclusi i prodotti alimentari freschi, è salito del 2,1% ad aprile** rispetto allo 0,8% precedente, segnando il livello più alto da marzo 2015**.

È anche superiore alla previsione mediana dell'1,9% della banca centrale per l'anno fiscale in corso [1] e ha superato l'obiettivo del 2% della BoJ.

Anche l'IPC principale è salito ai massimi di sette anni, attestandosi al 2,5% su base annua rispetto all'1,2% del mese precedente, mentre l'IPC al netto dei prezzi degli alimenti freschi e dell'energia è salito dello 0,8% su base annua rispetto al -0,7% precedente.

Questi ultimi dati sull'inflazione arrivano solo due giorni dopo i dati sul Prodotto Interno Lordo (PIL), che hanno mostrato che l'economia giapponese si è contratta dell'1% nel primo trimestre dell'anno (annualizzato).

Banca del Giappone (BoJ) dovish

La banca centrale del Paese si colloca nella parte più dovish dello spettro della politica monetaria, in netto contrasto con le sue principali controparti.

Nell'ultima riunione politica di fine aprile, ha mantenuto i tassi di interesse a -0,1% e ha dichiarato che continuerà la sua politica ultra-allentata, al fine di raggiungere l'obiettivo di stabilità dei prezzi del 2% e per tutto il tempo necessario a "mantenere tale obiettivo in modo stabile ". [2]

Anche la Banca del Giappone (BoJ) è intervenuta sul mercato obbligazionario e ha ribadito il suo impegno ad acquistare una quantità illimitata di titoli di Stato (JGB), in modo che il rendimento a 10 anni rimanga intorno allo zero per cento, aggiungendo che si offrirà di acquistare JGB a 10 anni allo 0,25% in ogni giorno lavorativo.

Il riepilogo delle opinioni emerse dalla riunione, pubblicato la scorsa settimana, ha riaffermato la tendenza ultra-dovish della BoJ, poiché ha rivelato che i funzionari considerano "necessaria " la continuazione dell'attuale "potente allentamento monetario ". [3]

Differenziale di politica Fed-BoJ

Considerando che all'inizio del mese la Banca d'Australia ha aumentato i tassi per la prima volta in più di 10 anni e che la Banca Centrale Europea ha assunto un atteggiamento sempre più da falco, con alcuni funzionari che prevedono aumenti dei tassi già a luglio, il differenziale di politica tra la Fed e la BoJ è ora il più pronunciato tra le principali banche centrali.

*Il presidente della Fed Powell ha riaffermato questa settimana l'orientamento da falco della banca e il suo impegno a ridurre l'inflazione [4], ma i prossimi aggiustamenti dei tassi d'interesse sono ben telegrafati e relativamente timidi, dato che durante l'ultima conferenza stampa [5] aveva sostanzialmente escluso rialzi maggiori di 75 punti base

Inoltre, il PIL statunitense ha subito una contrazione dell'1,4% nel primo trimestre (annualizzato), le richieste iniziali di disoccupazione sono aumentate la scorsa settimana a 218.000 e l'inflazione rimane elevata, nonostante la moderazione di aprile. Le azioni di inasprimento della Fed potrebbero aggravare la situazione economica e forse renderla più conservativa per evitare un atterraggio duro.

Con l'inflazione che ha inaspettatamente superato l'obiettivo del 2% e le sue politiche monetarie allentate e il controllo della curva dei rendimenti che danneggiano lo yen, la Banca del Giappone potrebbe essere costretta a ripensare la sua strategia monetaria estremamente dovish.

Analisi USD/JPY

Questa divergenza di politica monetaria ha spinto la coppia a un massiccio rally di nove settimane, culminato in un massimo di oltre 20 anni (131,35)

Tuttavia, il recente "conservatorismo" della Fed ha permesso allo yen di interrompere la suddetta striscia e di riaccendere il suo fascino di bene rifugio, mentre i timori di stagflazione si sono intensificati questa settimana, in seguito agli scarsi risultati trimestrali dei principali rivenditori statunitensi.

USD/JPY si avvia verso la seconda settimana consecutiva di perdite, avendo testato ieri la chiave EMA200 (linea nera) e il 23,6% di Fibonacci dai minimi di quest'anno ai massimi, come avevamo avvertito nella nostra ultima analisi

Una rottura al di sotto di quest'area metterebbe in pausa lo slancio verso l'alto e aprirebbe la porta a una correzione verso il 38,2% di Fibonacci (124,51), ma per il momento sarebbe azzardato parlare di un declino più ampio fino a 122,25.

Nonostante la recente debolezza, il biglietto verde è riuscito a difendere i livelli chiave sopra citati per due volte, evitando una chiusura al di sotto di essi ieri. Questo può dare la possibilità di rimbalzare verso 129,77, anche se in queste condizioni i nuovi massimi di 20 anni (131,35) potrebbero non essere facili da raggiungere.

Nikos Tzabouras

Senior Market Specialist

Nikos Tzabouras is a graduate of the Department of International & European Economic Studies at the Athens University of Economics and Business. He has a long time presence at FXCM, as he joined the company in 2011. He has served from multiple positions, but specializes in financial market analysis and commentary.

With his educational background in international relations, he emphasizes not only on Technical Analysis but also in Fundamental Analysis and Geopolitics – which have been having increasing impact on financial markets. He has longtime experience in market analysis and as a host of educational trading courses via online and in-person sessions and conferences.

Fonti

1

Consultato il 20 Mag 2022 https://www.boj.or.jp/en/mopo/outlook/gor2204a.pdf

2

Consultato il 20 Mag 2022 https://www.boj.or.jp/en/announcements/release_2022/k220428a.pdf

3

Consultato il 20 Mag 2022 https://www.boj.or.jp/en/mopo/mpmsche_minu/opinion_2022/opi220428.pdf

4

Consultato il 20 Mag 2022 https://www.youtube.com/watch

5

Consultato il 02 Lug 2022 https://www.federalreserve.gov/monetarypolicy/fomcpresconf20220504.htm

Disclosure

Questi materiali costituiscono una comunicazione di marketing e non prendono in considerazione le circostanze personali, l'esperienza di investimento o la situazione finanziaria attuale. Il contenuto è fornito come commento di mercato generale e non deve essere interpretato come contenente alcun tipo di consiglio di investimento, raccomandazione di investimento e/o sollecitazione per qualsiasi investimento. Questa comunicazione di mercato non implica o impone l'obbligo per l'utente di eseguire un'operazione di investimento e/o acquistare prodotti o servizi di investimento. Questi materiali non sono stati preparati in conformità ai requisiti legali progettati per promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non sono soggetti ad alcun divieto sul trading prima della diffusione della ricerca sugli investimenti.

FXCM e le sue affiliate non saranno in alcun modo responsabili nei tuoi confronti per eventuali inesattezze, errori o omissioni, indipendentemente dalla causa, per il contenuto di questi materiali o per eventuali danni (diretti o indiretti) che potrebbero derivare dall'uso di tali materiali, servizi e il loro contenuto. Di conseguenza, chiunque agisca in base ad essi lo fa a proprio rischio. Assicurati di aver letto e compreso la nostra clausola di esclusione di responsabilità completa relativa alle informazioni precedenti, a cui è possibile accedere qui.

Performance passate: le performance passate non sono rappresentative dei risultati futuri.

${getInstrumentData.name} / ${getInstrumentData.ticker} /

Borsa: ${getInstrumentData.exchange}

${getInstrumentData.bid} ${getInstrumentData.divCcy} ${getInstrumentData.priceChange} (${getInstrumentData.percentChange}%) ${getInstrumentData.priceChange} (${getInstrumentData.percentChange}%)

${getInstrumentData.oneYearLow} 52/wk Range ${getInstrumentData.oneYearHigh}