La Banca d’Inghilterra aumenta i tassi per la quinta volta consecutiva e prevede un ulteriore aumento dell’inflazione

Quinto rialzo dei tassi di fila

La Banca d'Inghilterra (BoE) ha effettuato oggi il quinto aumento consecutivo di 25 punti base dei tassi d'interesse, portandoli all'1,25%. Si tratta dei livelli più alti dal gennaio 2009 e della striscia di rialzi più lunga dal 2007. [1]

Ancora una volta, la decisione non è stata unanime, poiché tre funzionari del comitato di nove membri si sono dissociati a favore di un adeguamento più aggressivo dello 0,5%, evidenziando la divisione tra loro riguardo al percorso politico appropriato per superare le sfide che l'economia britannica deve affrontare.

La forward guidance è cambiata rispetto a maggio, poiché è stato rimosso il riferimento a "un certo grado di ulteriore inasprimento della politica monetaria potrebbe ancora essere appropriato nei prossimi mesi ". [2]

Il nuovo comunicato ora afferma - in modo piuttosto vago - che il Comitato di Politica Monetaria (MPC) "intraprenderà le azioni necessarie " per riportare l'inflazione all'obiettivo del 2% "in modo sostenibile nel medio termine ". È stato tuttavia aggiunto un passaggio più incisivo, in cui si afferma che il MPC "agirà con forza " in caso di pressioni inflazionistiche più persistenti.

Inflazione dilagante

L'inflazione nel Regno Unito è straordinariamente alta, con l'indice dei prezzi al consumo che ha raggiunto il 9% in aprile (su base annua), il valore più alto dall'inizio della serie Nation Statistics nel 1997, mentre il nuovo aggiornamento dell'IPC è atteso per la prossima settimana.

L'inflazione dilagante è il principale motore del ciclo di rialzi dei tassi della BoE iniziato a dicembre, che si aspettava di raggiungere la doppia cifra rispetto alle proiezioni di maggio, ma oggi si è spinta oltre, annunciando che prevede che l'inflazione CPI salirà a poco più dell'11% in ottobre

L'inflazione elevata non è un fenomeno unico nel Regno Unito, dato che è in gran parte causata da eventi globali, ma la BoE ha osservato che "non tutta " l'inflazione in eccesso può essere attribuita a tali fattori. La BoE ha inoltre osservato che l'inflazione di base dei beni di consumo (che esclude l'energia) è più elevata rispetto agli Stati Uniti e all'area dell'euro.

Contrazione del PIL

La banca centrale non si è limitata ad aumentare le aspettative di inflazione, ma ha anche abbassato quelle di crescita economica, aggravando i già elevati timori di stagflazione. Ora vede il PIL contrarsi dello 0,3% nella seconda metà dell'anno, rispetto alla proiezione di crescita dello 0,1% di maggio.

Nelle previsioni aggiornate della scorsa settimana, l'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) ha previsto che l'economia del Regno Unito crescerà del 3,6% nel 2022, prima di stagnare nel 2023, mentre vede una crescita per la maggior parte delle altre principali economie. [3]

Differenziale tra banche centrali

Questo crea pessimismo sull'economia del Regno Unito e rende molto più difficile il lavoro della banca centrale, che deve trovare un equilibrio tra l'aumento dell'inflazione e la potenziale recessione. La BoE si è accontentata di aggiustamenti conservativi dei tassi dello 0,25%, che potrebbero essere il peggiore dei mondi, in quanto sembrano fare poco per combattere l'inflazione, mentre spingono verso la recessione.

La Federal Reserve statunitense, che ha iniziato il suo ciclo di rialzi più tardi rispetto alla BoE, ha già portato i tassi all'1,5%-1,75% e ieri li ha aumentati di 75 punti base. Si è trattato della più grande mossa in quasi 30 anni, innescata dalla recente impennata dell'inflazione, e la Fed non si è lasciata scoraggiare dalla contrazione del PIL del 1° trimestre.

Anche la Banca Centrale Europea, che è in ritardo rispetto a quasi tutti nella normalizzazione delle politiche, ha iniziato a muoversi a causa dei prezzi record dei consumi. Nonostante l'esposizione dell'Europa alle conseguenze della guerra in Ucraina, la scorsa settimana la BCE ha annunciato un piano di rialzo dei tassi, che inizierà con 25 punti base a luglio.

Reazione GBP/USD

Nel complesso, si tratta di un annuncio dovish, dal momento che manca una forward guidance esplicita per un ulteriore inasprimento e la banca centrale sembra aver esaurito la strada per ulteriori rialzi.

La coppia è inizialmente scesa dopo il nuovo rialzo dei tassi da parte della BoE, ma poi si è mossa al rialzo, mentre i mercati digeriscono la decisione

probabilmente sarà difficile per la coppia GBP/USD registrare una ripresa sostenuta, dato il clima di sconforto della BoE e il differenziale politico sfavorevole, mentre le complicazioni della Brexit e l'incertezza politica nel Regno Unito potrebbero giocare a suo sfavore. La coppia sta vivendo un anno molto negativo, perdendo oltre il 9% da un anno all'altro, dopo aver toccato i minimi di oltre due anni all'inizio della settimana.

Nikos Tzabouras

Senior Market Specialist

Nikos Tzabouras is a graduate of the Department of International & European Economic Studies at the Athens University of Economics and Business. He has a long time presence at FXCM, as he joined the company in 2011. He has served from multiple positions, but specializes in financial market analysis and commentary.

With his educational background in international relations, he emphasizes not only on Technical Analysis but also in Fundamental Analysis and Geopolitics – which have been having increasing impact on financial markets. He has longtime experience in market analysis and as a host of educational trading courses via online and in-person sessions and conferences.

Fonti

1

Consultato il 16 Giu 2022 https://www.bankofengland.co.uk/monetary-policy-summary-and-minutes/2022/june-2022

2

Consultato il 16 Giu 2022 https://www.bankofengland.co.uk/monetary-policy-report/2022/may-2022

3

Consultato il 14 Ago 2022 https://www.oecd-ilibrary.org/sites/62d0ca31-en/1/3/2/46/index.html

Disclosure

Questi materiali costituiscono una comunicazione di marketing e non prendono in considerazione le circostanze personali, l'esperienza di investimento o la situazione finanziaria attuale. Il contenuto è fornito come commento di mercato generale e non deve essere interpretato come contenente alcun tipo di consiglio di investimento, raccomandazione di investimento e/o sollecitazione per qualsiasi investimento. Questa comunicazione di mercato non implica o impone l'obbligo per l'utente di eseguire un'operazione di investimento e/o acquistare prodotti o servizi di investimento. Questi materiali non sono stati preparati in conformità ai requisiti legali progettati per promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non sono soggetti ad alcun divieto sul trading prima della diffusione della ricerca sugli investimenti.

FXCM e le sue affiliate non saranno in alcun modo responsabili nei tuoi confronti per eventuali inesattezze, errori o omissioni, indipendentemente dalla causa, per il contenuto di questi materiali o per eventuali danni (diretti o indiretti) che potrebbero derivare dall'uso di tali materiali, servizi e il loro contenuto. Di conseguenza, chiunque agisca in base ad essi lo fa a proprio rischio. Assicurati di aver letto e compreso la nostra clausola di esclusione di responsabilità completa relativa alle informazioni precedenti, a cui è possibile accedere qui.

Performance passate: le performance passate non sono rappresentative dei risultati futuri.

${getInstrumentData.name} / ${getInstrumentData.ticker} /

Borsa: ${getInstrumentData.exchange}

${getInstrumentData.bid} ${getInstrumentData.divCcy} ${getInstrumentData.priceChange} (${getInstrumentData.percentChange}%) ${getInstrumentData.priceChange} (${getInstrumentData.percentChange}%)

${getInstrumentData.oneYearLow} 52/wk Range ${getInstrumentData.oneYearHigh}