La Banca d’Inghilterra ha effettuato un rialzo dei tassi storicamente elevato, ma ha dichiarato che la politica non è “su un percorso prestabilito”

Aumento aggressivo dei tassi

La Banca d'Inghilterra è stata una delle prime grandi banche centrali ad avviare il proprio ciclo di rialzi dei tassi, con il rialzo del dicembre 2021. Nonostante l'inizio anticipato, la Banca d'Inghilterra è stata tradizionalmente cauta e non ha fatto ricorso a rialzi superiori a 25 punti base.

Oggi, tuttavia, ha rotto le convenzioni e ha aumentato i tassi di interesse di un aggressivo 0,5% [1], il più grande rialzo dal 1995 e il sesto di fila. I tassi di interesse sono ora all'1,75%, il livello più alto dal dicembre 2008.

Ancora una volta la decisione non è stata unanime, come è accaduto in tutte le riunioni dell'anno, poiché la signora Tenreyro ha dissentito a favore di un aumento dei tassi più contenuto, pari allo 0,25%.

La mossa non è stata una sorpresa, dal momento che il governatore Bailey aveva accennato a questa possibilità a metà luglio, ma la banca centrale ha una scarsa esperienza nel comunicare le proprie intenzioni e ha fuorviato i mercati con la tempistica del suo rialzo.

Inflazione più alta e recessione in vista

La banca centrale ha adottato misure restrittive a causa dell'inflazione dilagante, che ha registrato un'accelerazione del 9,4% a giugno (anno su anno) secondo gli ultimi dati dell'IPC, stabilendo nuovi massimi da quattro decenni. I funzionari non vedono un miglioramento a breve, visto che oggi hanno aggiornato le loro previsioni.

Ora si aspettano che l'inflazione dell'IPC raggiunga uno scioccante 13%** nel quarto trimestre e che "rimanga a livelli molto elevati per gran parte del 2023". Si tratta di un netto miglioramento rispetto al picco di poco superiore all'11% previsto meno di due mesi fa.

L'economia britannica è stata colpita dalle conseguenze della guerra in Ucraina, dalle interruzioni della catena di approvvigionamento, dalle complicazioni della Brexit e dalla stretta monetaria. La BoE ritiene che l'economia scivolerà in recessione** a partire dal prossimo trimestre e prevede che la produzione continuerà a scendere in ogni trimestre fino alla fine del 2023. Prevede inoltre che il reddito reale delle famiglie al netto delle imposte si ridurrà drasticamente nel 2022 e nel 2023 e che la crescita dei consumi diventerà negativa.

Mossa falcistica, ma nessun inasprimento pre-stabilito

Il rialzo dei tassi di oggi è stato massiccio e non si verificava da ventisette anni, con i funzionari che hanno ribadito il loro impegno a ridurre l'inflazione, ripetendo al contempo la promessa di "agire con forza ", se necessario.

Tuttavia, la Banca d'Inghilterra ha sottolineato che "la politica non è su un percorso prestabilito ", mentre il governatore Bailey ha aggiunto che "tutte le opzioni sono sul tavolo per la nostra riunione di settembre e oltre ", durante la sua conferenza stampa.[2]

La retorica aggiornata è meno sprezzante di quella precedente, in quanto l'imminente recessione pone un limite più alto a ulteriori inasprimenti e la Banca d'Inghilterra potrebbe aver perso un'occasione d'oro per anticipare il ciclo di rialzi dei tassi, prima della recessione economica.

Retorica meno aggressiva della BC

Con la dichiarazione di oggi, la Banca d'Inghilterra ha preso spunto dal libro della sua controparte australiana, dato che la RBA aveva usato lo stesso riferimento "non su un percorso prestabilito " all'inizio della settimana [3]. Segue anche la Fed, che ha optato per un approccio "riunione per riunione " e basato sui dati, invece di offrire indicazioni esplicite, contrariamente a quanto aveva fatto fino a poco tempo fa

Le prospettive di recessione potrebbero rendere difficile la continuazione dell'inasprimento al ritmo aggressivo attuale e le banche centrali sopra citate probabilmente non vogliono impegnarsi in un percorso specifico. Il presidente Powell vi ha alluso, affermando che "probabilmente diventerà opportuno rallentare il ritmo degli aumenti ". [4]

D'altro canto, i policy maker potrebbero avere difficoltà a dare seguito a questa retorica più morbida e a rallentare il ritmo dei rialzi dei tassi, se l'inflazione non dovesse iniziare a scendere.

Reazione GBP/USD

La Banca d'Inghilterra può anche aver presentato un rialzo dei tassi super aggressivo oggi, ma il pessimismo delle previsioni economiche aggiornate, insieme all'ammorbidimento della forward guidance, ha fatto scendere GBP/USD nel periodo immediatamente successivo.

Nikos Tzabouras

Senior Market Specialist

Nikos Tzabouras is a graduate of the Department of International & European Economic Studies at the Athens University of Economics and Business. He has a long time presence at FXCM, as he joined the company in 2011. He has served from multiple positions, but specializes in financial market analysis and commentary.

With his educational background in international relations, he emphasizes not only on Technical Analysis but also in Fundamental Analysis and Geopolitics – which have been having increasing impact on financial markets. He has longtime experience in market analysis and as a host of educational trading courses via online and in-person sessions and conferences.

Fonti

1

Consultato il 04 Ago 2022 https://www.bankofengland.co.uk/monetary-policy-report/2022/august-2022

2

Consultato il 04 Ago 2022 https://www.youtube.com/watch

3

Consultato il 04 Ago 2022 https://www.rba.gov.au/media-releases/2022/mr-22-21.html

4

Consultato il 04 Ott 2022 https://www.federalreserve.gov/monetarypolicy/fomcpresconf20220727.htm

Disclosure

Questi materiali costituiscono una comunicazione di marketing e non prendono in considerazione le circostanze personali, l'esperienza di investimento o la situazione finanziaria attuale. Il contenuto è fornito come commento di mercato generale e non deve essere interpretato come contenente alcun tipo di consiglio di investimento, raccomandazione di investimento e/o sollecitazione per qualsiasi investimento. Questa comunicazione di mercato non implica o impone l'obbligo per l'utente di eseguire un'operazione di investimento e/o acquistare prodotti o servizi di investimento. Questi materiali non sono stati preparati in conformità ai requisiti legali progettati per promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non sono soggetti ad alcun divieto sul trading prima della diffusione della ricerca sugli investimenti.

FXCM e le sue affiliate non saranno in alcun modo responsabili nei tuoi confronti per eventuali inesattezze, errori o omissioni, indipendentemente dalla causa, per il contenuto di questi materiali o per eventuali danni (diretti o indiretti) che potrebbero derivare dall'uso di tali materiali, servizi e il loro contenuto. Di conseguenza, chiunque agisca in base ad essi lo fa a proprio rischio. Assicurati di aver letto e compreso la nostra clausola di esclusione di responsabilità completa relativa alle informazioni precedenti, a cui è possibile accedere qui.

Performance passate: le performance passate non sono rappresentative dei risultati futuri.

${getInstrumentData.name} / ${getInstrumentData.ticker} /

Borsa: ${getInstrumentData.exchange}

${getInstrumentData.bid} ${getInstrumentData.divCcy} ${getInstrumentData.priceChange} (${getInstrumentData.percentChange}%) ${getInstrumentData.priceChange} (${getInstrumentData.percentChange}%)

${getInstrumentData.oneYearLow} 52/wk Range ${getInstrumentData.oneYearHigh}