L’SPX500 ha toccato i minimi di 15 mesi lunedì; ha chiuso in territorio orso, in vista della Fed

Impennata dell'inflazione USA

L'inflazione statunitense aveva mostrato segni di attenuazione di recente, dal momento che l'indice dei prezzi al consumo (CPI) aveva fatto marcia indietro all'8,3% in aprile (su base annua). Questo aveva fatto sperare in un picco dell'inflazione, ma le speranze si sono spente venerdì scorso, quando gli ultimi dati hanno rivelato un'altra impennata.

L'IPC globale è salito al livello più alto dal dicembre 1981, attestandosi all'8,6% a maggio su base annua, anche se la lettura core, che esclude i prezzi dei generi alimentari e dell'energia, è scesa al 6% su base annua, rispetto al 6,2% precedente.

Inoltre, i dati preliminari dell'Università del Michigan hanno mostrato che il sentimento dei consumatori è sceso a 5,2 a giugno, segnando un calo del 14% rispetto a maggio e il valore più basso mai registrato.

Scommesse aggressive sul rialzo della Fed

La Federal Reserve statunitense ha fatto della lotta all'inflazione la sua priorità assoluta e ha intrapreso un percorso di inasprimento anticipato, avendo già aumentato i tassi di interesse due volte. Di recente abbiamo assistito a una serie di commenti da falco da parte dei responsabili politici, che hanno evidenziato la volontà di continuare a inasprire i tassi dopo l'estate e hanno ribadito la volontà della banca di far scendere i prezzi.

Dopo la riunione di maggio, Powell aveva indicato altre mosse di mezzo punto percentuale in giugno e luglio, ma aveva escluso aumenti più aggressivi di 75 punti base, affermando che questo "non è qualcosa che il Comitato sta attivamente considerando " [1]. Tuttavia, vista la nuova impennata dell'inflazione di venerdì, la Fed potrebbe essere costretta a prendere in considerazione tale azione.

La banca centrale presenterà la sua ultima decisione politica questo mercoledì, e la rottura del percorso ben tracciato potrebbe mettere in subbuglio i già tumultuosi mercati obbligazionari e azionari. Anche se non dovesse sorprendere con un rialzo più consistente, gli investitori saranno sicuramente alla ricerca di indicazioni sulle intenzioni della banca per luglio e oltre, mentre le proiezioni aggiornate dello staff saranno un altro punto focale.

I dati recenti hanno sicuramente causato un massiccio riprezzamento delle aspettative di mercato sul percorso di inasprimento della Fed, dato che il Fed WatchTool del CME prevede ora un rialzo maggiore di 75 punti base questo mercoledì, con il 93,7% di probabilità al momento della scrittura. Un'altra manovra di pari entità è prevista per la prossima riunione di luglio, con una probabilità del 69,9%. [2]

Timori di stagflazione

Le aspettative di un ciclo di inasprimento ancora più aggressivo da parte della Fed dopo l'ultimo dato sull'inflazione hanno aumentato i timori di stagflazione. Secondo i dati preliminari del mese scorso (seconda lettura), il PIL statunitense ha subito una contrazione dell'1,5% nel primo trimestre, sebbene i funzionari della Fed abbiano ampiamente scartato l'ipotesi di una recessione - tipicamente definita come due trimestri consecutivi di contrazione

Come abbiamo già commentato in precedenza, il commento di Powell su un "atterraggio morbido o softish" [1], non ispira molta fiducia nella capacità della Fed di contenere l'inflazione senza far precipitare l'economia in una recessione e causare un'altra impennata della disoccupazione. Inoltre, la Fed ha perso un po' di credibilità rispetto alla sua precedente narrativa "transitoria", il che aumenta il rischio di un errore politico.

Analisi SPX500

La nuova impennata dell'inflazione, le aspettative di un'azione monetaria più aggressiva da parte della Fed, i timori di stagflazione e altri fattori hanno scatenato una nuova ondata di avversione al rischio, evidente nei mercati obbligazionari e azionari

Questo non solo ha portato lunedì l'SPX500 ai livelli più bassi dal marzo 2021, ma anche a una chiusura in territorio orso. L'indice era riuscito ad evitarlo il mese scorso, ma lunedì ha chiuso con una perdita di oltre il 20% rispetto ai massimi storici di gennaio, generalmente considerati la soglia per tale designazione

Questo ha causato una ripresa del trend discendente - forse un po' più veloce delle nostre aspettative - e ha esposto l'indice ai minimi del 2021 (3.664), mentre le mosse sotto i 3.500 avranno probabilmente bisogno di nuovi catalizzatori.

Oggi, tuttavia, l'SPX500 mette in scena un rimbalzo di circa l'1%, cercando di uscire dal mercato orso. Questo potrebbe dare la possibilità di sfidare il gap di lunedì e recuperare l'area di 3.900, ma sarà necessario un miglioramento sostenuto del sentiment per un rialzo verso l'EMA200 al di sopra di 4.000.

La cautela è necessaria in vista della decisione della Fed di mercoledì #, che ha il potenziale per causare un aumento della volatilità e produrre movimenti fuori misura, soprattutto dopo il recente riprezzamento delle aspettative del mercato.

Nikos Tzabouras

Senior Market Specialist

Nikos Tzabouras is a graduate of the Department of International & European Economic Studies at the Athens University of Economics and Business. He has a long time presence at FXCM, as he joined the company in 2011. He has served from multiple positions, but specializes in financial market analysis and commentary.

With his educational background in international relations, he emphasizes not only on Technical Analysis but also in Fundamental Analysis and Geopolitics – which have been having increasing impact on financial markets. He has longtime experience in market analysis and as a host of educational trading courses via online and in-person sessions and conferences.

Fonti

1

Consultato il 14 Giu 2022 https://www.federalreserve.gov/mediacenter/files/FOMCpresconf20220504.pdf

2

Consultato il 07 Ago 2022 https://www.cmegroup.com/trading/interest-rates/countdown-to-fomc.html#

Disclosure

Questi materiali costituiscono una comunicazione di marketing e non prendono in considerazione le circostanze personali, l'esperienza di investimento o la situazione finanziaria attuale. Il contenuto è fornito come commento di mercato generale e non deve essere interpretato come contenente alcun tipo di consiglio di investimento, raccomandazione di investimento e/o sollecitazione per qualsiasi investimento. Questa comunicazione di mercato non implica o impone l'obbligo per l'utente di eseguire un'operazione di investimento e/o acquistare prodotti o servizi di investimento. Questi materiali non sono stati preparati in conformità ai requisiti legali progettati per promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non sono soggetti ad alcun divieto sul trading prima della diffusione della ricerca sugli investimenti.

FXCM e le sue affiliate non saranno in alcun modo responsabili nei tuoi confronti per eventuali inesattezze, errori o omissioni, indipendentemente dalla causa, per il contenuto di questi materiali o per eventuali danni (diretti o indiretti) che potrebbero derivare dall'uso di tali materiali, servizi e il loro contenuto. Di conseguenza, chiunque agisca in base ad essi lo fa a proprio rischio. Assicurati di aver letto e compreso la nostra clausola di esclusione di responsabilità completa relativa alle informazioni precedenti, a cui è possibile accedere qui.

Performance passate: le performance passate non sono rappresentative dei risultati futuri.

${getInstrumentData.name} / ${getInstrumentData.ticker} /

Borsa: ${getInstrumentData.exchange}

${getInstrumentData.bid} ${getInstrumentData.divCcy} ${getInstrumentData.priceChange} (${getInstrumentData.percentChange}%) ${getInstrumentData.priceChange} (${getInstrumentData.percentChange}%)

${getInstrumentData.oneYearLow} 52/wk Range ${getInstrumentData.oneYearHigh}