Il NAS100 si stabilizza dopo il rally alimentato da Powell

Rallentamento della Fed

La Fed statunitense ha messo in atto la stretta più aggressiva degli ultimi decenni, con una serie di rialzi di 75 punti base e il presidente Powell ha segnalato un rallentamento, parlando al Brookings Institute mercoledì. Ha affermato che la moderazione del ritmo degli aumenti dei tassi "potrebbe arrivare già nella riunione di dicembre ". [1]

Non si tratta di una novità, dato che il presidente Powell ha già parlato di un ritmo più lento in passato e altri funzionari sono sembrati pronti ad alleggerire il ritmo, ma il discorso di ieri ha aumentato le aspettative del mercato per un rialzo più contenuto di 50 punti base nella prossima riunione di questo mese.

Le probabilità di un tale risultato sono aumentate secondo lo strumento FedWatch del CME, mentre le aspettative per il tasso finale sono diminuite. La probabilità più alta è ora assegnata a un picco dei tassi al 5,00%, dal 5,25% precedente. [2]

Di conseguenza, il dollaro USA è crollato, mentre i mercati obbligazionari e azionari sono saliti, con il NAS100 che ha chiuso mercoledì con un guadagno di quasi il 2%.

Dati sul lavoro favorevoli

Sembra che stiamo vivendo di nuovo in questo mondo bizzarro, dove le cattive notizie sono buone notizie per Wall Street e viceversa, dal momento che il mercato azionario ha esultato per gli scarsi dati sull'occupazione di ieri. Il mercato del lavoro è molto rigido, il che rende difficile per la Fed togliere il piede dal pedale dell'inasprimento, per cui ogni cattiva notizia consente di fatto una moderazione, aiutando Wall Street

La domanda di lavoro ha subito un rallentamento in ottobre, dato che le aperture di posti di lavoro JOLTS sono scese a 10,344 milioni, rispetto ai 10,717 milioni del mese precedente. Inoltre, la crescita delle buste paga private è diminuita a novembre, con l'aggiunta di 127.000 posti di lavoro, rispetto ai 239.000 precedenti.

Ottimismo fuori luogo?

Nonostante abbia preparato i mercati a rialzi più contenuti, Powell ha sottolineato ancora una volta la necessità di un ulteriore inasprimento e ha minimizzato l'importanza del ritmo degli aumenti. Ha invece sottolineato l'importanza del tasso terminale e del periodo in cui i tassi dovranno rimanere a un livello restrittivo.

Ha osservato che per ridurre l'inflazione sarà probabilmente necessario mantenere i tassi di interesse a questi livelli "per un certo tempo " e ritiene che i tassi raggiungeranno un picco più alto di quanto previsto in precedenza. Ha inoltre messo in guardia sui rischi di un allentamento prematuro della politica.

Alla luce di quanto sopra, è lecito chiedersi se la reazione del mercato non sia stata eccessivamente ottimistica e/o prematura. I mercati sono stati rapidi nel definire i picchi sui tassi, sulla propensione al biancismo della Fed e sull'inflazione e tali speranze sono già state deluse in passato, mentre la settimana in corso prevede altri due comunicati economici chiave dagli Stati Uniti

Analisi NAS100

Dopo il rally di ieri, l'indice tecnologico si consolida su livelli già noti, mentre gli investitori attendono l'aggiornamento sull'inflazione PCE in giornata e il rapporto sul lavoro di venerdì, tra gli altri dati che possono stimolare la volatilità e determinare il suo percorso.

Il balzo di ieri ha portato 12.468 sotto i riflettori, ma potrebbe essere necessario un pullback o un catalizzatore per superare questo livello ed estendere i guadagni verso e oltre i 12.833-91.

È passato un anno dai massimi storici del NAS100, nel novembre 2021, seguiti da un forte calo. Nonostante il rimbalzo di due mesi, rimane profondamente in territorio orso, chiudendo il mese di novembre quasi al 30% al di sotto di quel picco.

Inoltre, il NAS100 consolida oggi e non ha ancora superato il 50% di Fibonacci e la Ichimoku Cloud giornaliera, che aveva fermato la sua avanzata all'inizio del mese, mentre il Relative Strength Index (RSI) indica condizioni di ipercomprato.

Ciò può causare una nuova pressione verso l'EMA200 (11.550-11.449), anche se sarebbe necessaria una forte delusione da parte dei dati imminenti per un declino più profondo che contesterebbe la maniglia di 11.000.

Nikos Tzabouras

Senior Market Specialist

Nikos Tzabouras is a graduate of the Department of International & European Economic Studies at the Athens University of Economics and Business. He has a long time presence at FXCM, as he joined the company in 2011. He has served from multiple positions, but specializes in financial market analysis and commentary.

With his educational background in international relations, he emphasizes not only on Technical Analysis but also in Fundamental Analysis and Geopolitics – which have been having increasing impact on financial markets. He has longtime experience in market analysis and as a host of educational trading courses via online and in-person sessions and conferences.

Fonti

1

Consultato il 01 Dic 2022 https://www.federalreserve.gov/newsevents/speech/powell20221130a.htm

2

Consultato il 29 Gen 2023 https://www.cmegroup.com/markets/interest-rates/cme-fedwatch-tool.html

Disclosure

Questi materiali costituiscono una comunicazione di marketing e non prendono in considerazione le circostanze personali, l'esperienza di investimento o la situazione finanziaria attuale. Il contenuto è fornito come commento di mercato generale e non deve essere interpretato come contenente alcun tipo di consiglio di investimento, raccomandazione di investimento e/o sollecitazione per qualsiasi investimento. Questa comunicazione di mercato non implica o impone l'obbligo per l'utente di eseguire un'operazione di investimento e/o acquistare prodotti o servizi di investimento. Questi materiali non sono stati preparati in conformità ai requisiti legali progettati per promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non sono soggetti ad alcun divieto sul trading prima della diffusione della ricerca sugli investimenti.

FXCM e le sue affiliate non saranno in alcun modo responsabili nei tuoi confronti per eventuali inesattezze, errori o omissioni, indipendentemente dalla causa, per il contenuto di questi materiali o per eventuali danni (diretti o indiretti) che potrebbero derivare dall'uso di tali materiali, servizi e il loro contenuto. Di conseguenza, chiunque agisca in base ad essi lo fa a proprio rischio. Assicurati di aver letto e compreso la nostra clausola di esclusione di responsabilità completa relativa alle informazioni precedenti, a cui è possibile accedere qui.

Performance passate: le performance passate non sono rappresentative dei risultati futuri.

${getInstrumentData.name} / ${getInstrumentData.ticker} /

Borsa: ${getInstrumentData.exchange}

${getInstrumentData.bid} ${getInstrumentData.divCcy} ${getInstrumentData.priceChange} (${getInstrumentData.percentChange}%) ${getInstrumentData.priceChange} (${getInstrumentData.percentChange}%)

${getInstrumentData.oneYearLow} 52/wk Range ${getInstrumentData.oneYearHigh}